Questo sito utilizza i cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Contact Center

Commercio di cose antiche e usate - vidimazione e tenuta registro

L'art. 126 del T.U.L.P.S. è stato abrogato, con decorrenza 11 dicembre 2016, dall'art.6 del Decreto Legislativo 25 novembre 2016, n. 222, recante “Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e di definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124”. Pertanto a far data dall’11 dicembre 2016 non deve più essere presentata al SUAP la SCIA per vendita di cose antiche o usate. Conseguentemente, non dovranno essere più presentati al Comune, per la vidimazione, i registri di carico e scarico dei beni antichi o usati.
In attesa di definitiva pronuncia chiarificatrice da parte del Ministero dell’Interno, il commerciante dovrà tuttavia tenere il registro giornaliero delle operazioni (non più vidimato), da esibire su richiesta alle autorità locali di P.S..

FAQ

Deve essere pagata la marca da bollo da 16,00 euro con una delle seguenti modalità:
• utilizzando l’apposito portale dei pagamenti (clicca qui)
oppure
• con bonifico al seguente codice IBAN: IT77 G056 9611 5000 0009 0000 X33
Per l’importo dei diritti di segreteria da versare alla Provincia di Mantova si consiglia di consultare il sito www.provincia.mantova.it
Attualmente A.T.O. e TEA ACQUE non richiedono diritti di segreteria per la richiesta riferita allo scarico di acque reflue.
Al momento della compilazione della pratica sul portale camerale www.impresainungiorno.gov.it dovranno essere allegate tutte le ricevute di avvenuto pagamento.

La legge prevede che, per i Comuni sprovvisti di cinema, si possa autorizzare l'apertura di una sala monoschermo o di una multisala solo a determinate condizioni che riguardano il numero dei posti e la distanza dalle sale esistenti .
Per quanto riguarda i Comuni provvisti di sale cinematografiche, l'autorizzazione è concessa considerando il rapporto tra la popolazione residente e il numero degli schermi già esistenti nella Regione.
La normativa vigente è reperibile su Internet, in particolare il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 settembre 1994, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 282 del 2/12/1994 "Determinazione dei criteri per la concessione dell' autorizzazione all' apertura di sale cinematografiche" ed il relativo Regolamento approvato con Decreto 29 settembre 1998 n. 391 "Regolamento recante disposizioni per il rilascio di autorizzazione per l'apertura di sale cinematografiche", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 265 del 12 novembre 1998.
La richiesta deve essere presentata al Comune interessato: per il Comune di Mantova va compilato il modulo icon PS30.

 

Procedimenti speciali

AUA

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE