Questo sito utilizza i cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Commercio di cose antiche e usate - vidimazione e tenuta registro

L'art. 126 del T.U.L.P.S. è stato abrogato, con decorrenza 11 dicembre 2016, dall'art.6 del Decreto Legislativo 25 novembre 2016, n. 222, recante “Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e di definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124”. Pertanto a far data dall’11 dicembre 2016 non deve più essere presentata al SUAP la SCIA per vendita di cose antiche o usate. Conseguentemente, non dovranno essere più presentati al Comune, per la vidimazione, i registri di carico e scarico dei beni antichi o usati.
In attesa di definitiva pronuncia chiarificatrice da parte del Ministero dell’Interno, il commerciante dovrà tuttavia tenere il registro giornaliero delle operazioni (non più vidimato), da esibire su richiesta alle autorità locali di P.S..